Mediazione civile

A seguito della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della legge 9 agosto 2013, n. 98, di conversione con modifiche del D.L. n. 69/2013, la Mediazione Civile e Commerciale ritorna obbligatoria per le controversie su specifiche materie quali: condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante da responsabilità medica e diffamazione a mezzo stampa o altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi bancari e finanziari.

La Mediazione Civile rispetto al tradizionale sistema giudiziario presenta dei vantaggi:

• è veloce: la procedura di mediazione ha una durata non superiore a 3 mesi;
• è conveniente: la mediazione è in assoluto la strada meno costosa per risolvere una controversia;
• è informale e flessibile: la procedura di mediazione viene adattata alle esigenze delle parti;
• è coperta dal vincolo di riservatezza;
• è alternativa poiché non pregiudica il diritto di adire la giustizia;
• è vantaggiosa anche in termini fiscali. Infatti tuttI gli atti e i documenti relativi al procedimento di mediazione sono esenti dall’imposta di bollo e da ogni spesa, tassa o diritto; il verbale di conciliazione è esente dalla tassa di registrazione fino ad un importo di Euro 50.000,00. Inoltre chi si avvale di tale strumento gode di un credito di imposta fino ad un massimo di Euro 500,00.

La Mediazione Civile favorisce la buona qualità delle relazioni che perdurano nel futuro e rende gli attori coinvolti protagonisti delle scelte e degli accordi che si realizzeranno.

Controversie civili e commerciali
Procedure veloci di mediazione per contorversie di diritto civile